Slow cooker per risotti: migliori prodotti di Giugno 2021, prezzi, recensioni

E se ti dicessi che una semplice pentola elettrica potrebbe risolvere gran parte dei tuoi problemi?  Soprattutto se vivi da solo, e non hai mai tempo per cucinare, ma nonostante  tutto, non vuoi rinunciare ad un piatto sano e gustoso. La Slow Cooker è una particolare pentola elettrica che ti permetterà di cucinare senza supervisionare il tutto ogni tot, utilizzando un metodo di cottura ormai dimenticato: la cottura a basse temperature!

Questa cottura si protrae per diverse ore, anche una decina, permettendoti di utilizzare quel tempo per fare altro; anche non controllando la pentola, non avrai il rischio di bruciare il tuo pasto.

Essendo un apparecchio versatile, si presta per moltissime preparazioni, specialmente i secondi; ma alcuni modelli invece, possono aiutare in altre preparazioni, quali il riso, grazie a metodi di cottura aggiuntivi. In questa guida imparerete a conoscere meglio queste fantastici ed utilissimi strumenti.

Slow Cooker: scopriamo come è fatta

La Slow Cooker quindi, è una pentola elettrica composta principalmente da tre elementi: una base, che funge da corpo esterno, contenente all’interno le resistenze elettriche, che producono il calore necessario per cuocere i cibi all’interno di essa. Una casseruola interna, realizzata spesso in ceramica, perché resistente alle alte temperature e facilmente lavabile.

Qui dentro avverrà la cottura vera e propria; inoltre la ceramica permette una cottura uniforme e costante. Alcune pentole interne possono essere realizzate anche il alluminio, ma presentano una distribuzione del calore disomogenea. Infine, troviamo un coperchio, spesso realizzato in vetro temperato, che agevola il controllo della cottura anche dall’esterno, senza bisogno di sollevarlo. Possiede delle guarnizioni speciali che evitano la dispersione di calore, preservando sapori e aromi.

Per un ottimo acquisto, è importante che la pentola abbia dei manici termoisolanti e magari anche dei piedini anti-scivolo per poggiarla sul piano di lavoro in modo più comodo e stabile.

Quali preparazioni può realizzare?

Sono tante le preparazioni che una Slow Cooker consente di realizzare; tutte sane e dietetiche, perché mantiene idratati i cibi e quindi non si ha bisogno di utilizzare troppo grasso (come olio e burro) o sale, perché risalta già i sapori degli alimenti. Inoltre mantiene intatte le proprietà nutritive degli alimenti(vitamine e minerali), soprattutto utilizzando il metodo di cottura a vapore, possibile solo con alcuni modelli.

Permette anche di realizzare molte ricette conosciute, rielaborandole in chiave di cottura lenta, così da poterne esaltare il sapone e la consistenza, oppure, per i principianti, è utile consultare qualche ricettario online. Tra i cibi che si prestano di più a questa cottura, troviamo:

  • Carne: viene utilizzata moltissimo per queste preparazioni, perché la cottura lenta è in grado di risaltarla particolarmente. Questo perché viene ammorbidita poco alla volta, sciogliendo le fibre, tendini e tessuti, senza seccare la carne, lasciandola idratata, morbida e gustosa. I tipi di carne che rendono di più grazie a questo tipo di cottura, sono: coniglio, agnello, manzo, qualsiasi taglio, anche meno nobile, e cosciotti e stinchi ottimi cucinati in umido.
  • Pollame: per cuocere un ottimo pollo, è importante togliere prima della cottura la pelle, sia perché grassa, e poi perché la Slow Cooker la scioglierebbe. Questo tipo di cottura esalta molto il sapore di galline, oche e anatre.
  • Pesce: un consiglio per cuocere del buon pesce, è quello di ungere prima la pentola con un pò di grasso (olio o burro) e poi procedere come se si tesse cucinando del pesce a forno. L’ideale è non cuocerlo per più di 2 ore a basse temperature.
  • Verdure: si possono cuocere tutti i tipi di verdure e ortaggi. Otterrete anche un ottimo risultato, al contrario di ciò che si pensa: niente verdure sfatte, molli e insapore, ma belle sode e gustose! Le carote, essendo più dure, andrebbero prima tagliate a pezzettini per poi pretrattarle a parte prima di inserirle nella pentola. Piselli e mais sono già molto teneri, ed è consigliabile aggiungerli quasi a fine cottura.
  • Legumi e cereali: anche legumi e cereali possono essere cucinati quasi tutti, scegliendo sia le basse temperature che quelle alte. Il procedimento iniziale è sempre uguale: ovvero, lasciarle in ammollo nell’acqua fredda per almeno una notte.
  • Dolci: è possibile cuocere anche dolci vari, soprattutto budini e creme.

Temperature e tipi di cottura

La Slow Cooker cuoce mantenendo sempre delle temperature tra i 60°C e i 90°C. Non arriverà mai ai 100°C, quindi all‘ebollizione. Le temperature variano in base alla quantità di cibo, la  tipologia degli alimenti e dai Watt della pentola (solitamente 250 Watt.)  Andiamo a vedere i tipi di temperature:

  • Per una cottura lenta a bassa temperatura: 78°C
  • Per una cottura lenta a temperatura medio-alta: 84°C
  • Cottura ideale per dolci: 96°C

Altre funzioni preimpostate

Oltre la classica manopola dei modelli base, che permette di poter scegliere tra la cottura “Low” ovvero bassa, e la cottura “High” cioè alta, ed il mantenimento in caldo, i modelli più avanzati, permettono di poter utilizzare altri tipi di cotture preimpostate:

  • Cottura Sauter: la cottura a fuoco vivo, che serve per rosolare gli alimenti e dargli una leggera doratura, prima di passarli alla cottura lenta.
  • Cottura al vapore: l’ideale per cuocere riso e verdure, perché aiuta anche a mantenere tutte le proprietà benefiche degli alimenti. Per cucinare al vapore, utilizzare l’apposita griglia in dotazione.
  • Cottura sottovuoto: perfetta per la sterilizzazione, ed è presente nelle Slow Cooker professionali, raggiungendo temperature più elevate do quelle standard. Ideale per trattare vasetti di alimenti sottovuoto.
  • Buffet: mantenimento in caldo a temperature più alte del classico “Warm”.

Consumi

La Slow Cooker è una pentola che cuoce a basse temperature per  tempi lunghi. La sua potenza si aggira solitamente sui 250 Watt, perché non ha bisogno di troppa potenza. Lasciandola accesa ogni giorno, per tot ore, non andrete a consumare più di una lampadina. Acquistando un modello professionale, potrete aumentare anche i consumi, dato che possedendo più funzioni di cottura la sua potenza tocca anche i 1500 Watt. Valutate bene le vostre esigenze.

Pulizia e manutenzione

Per pulire una Slow Cooker, basta rimuovere coperchio e pentola interna e lavarli comodamente in lavastoviglie o a mano. Per la parte esterna, contenente elementi elettrici, basta solo un panno umido. Fare solo attenzione alla pentola interna se in ceramica, perché soffre gli sbalzi di temperatura, quindi lasciare raffreddare.

Come scegliere la miglior Slow Cooker per risotti

Per cuocere un ottimo risotto, la modalità di cottura perfetta da usare è quella della cottura al vapore. Questa modalità di cottura è presente solo in alcuni modelli, in più offre in dotazione una comoda griglia per agevolarne la preparazione. I prezzi per una Slow Cooker contenente questo tipo di cottura, si aggirano su una fascia di 100 euro circa. Tra i modelli consigliati, troviamo: Klarstein, Russel Hobbs, Crock-Pot, Electrolux, Cuisinart.

Laureata all’Accademia Di Belle Arti, mi occupo prevalentemente di fotografia, possedendo solide competenze in diversi ambiti, quali grafica, editing, pubblicità e social media. Appassionata di scrittura da sempre, con un occhio di riguardo per il copywriting e la scrittura persuasiva.

Back to top
menu
sceltaslowcooker.it